jeudi 7 juin 2012

CENTRO DELLA FRANCIA – JURA : AL SALONE DI DOLE

Una nuova avventura si è felicemente compiuta.
Della cosa vi avevo già parlato qualche tempo fa, ossia della mia partecipazione al salone di Dole, non lontano da Digione.
A questa manifestazione ero stata invitata già da tempo dal club JURA POINT DE CROIX, il quale aveva organizzato uno stand condiviso tra me e l’amica Martine, la creatrice dei”FILS DE ATALIE”: non potevo quindi assolutamente mancarvi, e così, dopo i soliti accurati ma anche concitati preparativi, giovedì 31 maggio, con un buon anticipo sul giorno d’inizio del salone (sabato 2 giugno), sono partita con la mia fidata amica Tiziana alla volta di Chambéry via tunnel del Fréjus e, manco a farlo apposta, il nostro itinerario e la nostra destinazione hanno avuto l’imprimatur nel segno del gatto.
Il percorso da seguire doveva infatti portarci ad attraversare la regione del Bugey, e così, seguendo le indicazioni stradali, abbiamo visto che per accedervi da Chambéry occorre dirigersi verso il lago del Bourget e poi girare verso ovest attraversando il “Tunnel du…..Chat”, che per 1500 m perfora la base della “Montagne du…..Chat”!
Reso così un primo omaggio al mio totemico e ben augurante animaletto, su comoda e veloce “route départementale” ci siamo dirette verso la cittadina di Belley attraversando una deliziosa regione di alte colline e poi il Rodano e, proseguendo sempre in direzione nord, verso Ambérieu-Pont d’Ain siamo andate a riprendere l’autostrada per Digione, e così siamo rapidamente arrivate a destinazione nel tardo pomeriggio.
Il giorno successivo abbiamo montato in mattinata il nostro stand e poi fatto visita alla cittadina che ci ospitava.
Dole ha un bel centro antico in stile “Rénaissance”, un imponente castello, e abbiamo scoperto che, per emblema cittadino ha in pratica…..un gatto, del quale numerose gattesche paline delineano una sorta di percorso storico!
Dole ha infatti dato i natali ad un noto scrittore francese che scrisse gli altrettanto noti ”Contes du chat perché”, ed i concittadini ne onorano così la memoria.
Gatti e affini a parte, devo  ringraziare il club del “Jura Point de Croix” che, per il salone di quest’anno, ha aperto le porte anche a noi creatori.
Molti e noti erano i nomi, e tutti hanno allestito il loro stand con gusto e raffinatezza.
I club e le associazioni hanno esposto lavori semplicemente…..meravigliosi!
L’afflusso di ricamatrici e pubblico in generale è stato imponente soprattutto il primo giorno.
Dal mio canto mi ritengo più che soddisfatta, non solo perché ho ricevuto complimenti, ma anche perché i miei schemi sono stati acquistati con l’impegno di….. essere ricamati in breve tempo.
La scorta dei fili che ATALIE ha creato appositamente per me si è dissolta nel giro di due giorni!
Grazie Martine!
Ringrazio di vero cuore l’organizzazione del Jura Point de Croix che mi ha ospitata e trattata come una di loro.
Speriamo si possa ripetere questa esperienza anche l’anno prossimo.
Adesso un po’ di riposo, ma senza esagerare perché devo pensare ai nuovi schemi che sto ideando e che spero vi possano piacere, una volta che li abbia trasformati in diagrammi.
Terminato il salone domenica sera, il lunedì ci siamo prese una giornata di vacanza e siamo andate a trovare miei vecchi amici che abitano a Flavigny, storica e bellissima cittadina sita più a nord, nell’alta Borgogna.
Lì, con la guida del mio conoscente, abbiamo fatto le turiste visitando il piccolo gioiello che è il centro storico (tutto il villaggio è centro storico) e poi il vicino sito della battaglia-assedio di Alesia, condotta da Giulio Cesare un po’ di tempo fa!
A Flavigny (anni ’90) è stato ambientato il grazioso film “Le chocolat” e, oltretutto, la prima inquadratura del film ossia quando la protagonista batte ad una vecchia e rustica porta, beh, questa porta è quella della casa nella quale, ristrutturata, ora abita il mio amico!
La cittadina è ricca di storia ed ospita numerosi edifici religiosi, tra i quali una cripta di epoca carolingia.
Ah, dimenticavo, qui vengono prodotti i famosi bonbons all’anice di Flavigny, che si possono trovare in tutte le confetterie di un certo livello!
Martedì sera 5 giugno eravamo di ritorno in quel di Pinerolo-val Pellice, stanche ma contentissime.
Alla prossima!
Nuovamente vostra
Paola Gattiblu

All'allestimento! - A la préparation!
Et voilà




              


Due fanciulle felici! - Deux gamines heureuses!
Un ben meritato spuntino - Un bien mérité casse-croute
Dole
Le chat légende de Dole!

                                                                
Une table de créateurs!
Un sac super!


Le chat du conte?
Renato Parolin a fait amitié!

FLAVIGNY!
       
L'atelier des bonbons de FLAVIGNY!

Flavigny, le pays des chats noirs!
La boutique du chocolat du film était ici 

FLAVIGNY, l'église
Le féroce gardien de Abbaye de Fontenay nous dit au revoir